Centro di Ricerca per l'Enologia (CRA-ENO)

Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria (CREA)


il riordino del settore ricerca

Sei nella sezione: Cenni storici

Vai al sotto menu

Nel frattempo il D.P.R. 23 novembre 1967, n. 1318, ha fissato le direttive per il riordino della sperimentazione agraria. La Stazione Sperimentale cambia nome e diviene l’Istituto Sperimentale per l’Enologia di Asti. I compiti specifici dell’Istituto e la sua struttura sono enunciati dall’art. 22 del decreto suddetto: “L’Istituto Sperimentale per l’Enologia con sede in Asti, provvede agli studi e alle ricerche di ordine fisico, chimico e biologico riguardanti la composizione e la trasformazione delle uve, la preparazione, la conservazione ed il miglioramento tecnologico dei prodotti vinicoli, secondo le esigenze poste dallo sviluppo della produzione vitivinicola nel contesto dei mercati interni ed internazionali. L’Istituto Ŕ articolato in tre Sezioni operative centrali ed in Sezioni operative periferiche in Gaiole in Chianti (Siena), Velletri (Roma) e Barletta (Bari)". Detto Ente subentra alla Stazione enologica Sperimentale di Asti, alla cantina Sperimentale di Velletri e alla Cantina Sperimentale di Barletta che vengono soppresse e i cui patrimoni sono devoluti all'Istituto.
La Cantina Sperimentale di Barletta venne istituita con D.M. nel marzo 1879 e s’interess˛ ovviamente ai problemi enologici del meridione d’Italia. Annover˛ studiosi di alto valore come Antonio Fonseca e Giuseppe De Astis. Attualmente come Sezione periferica di quest’Istituto Ŕ impegnata in numerosi progetti di valorizzazione dei vini meridionali e costituisce un punto di riferimento non solo per la Puglia essendo fornita di personale con preparazione ad alto livello, di laboratori attrezzati e di cantina sperimentale.
La Cantina Sperimentale di Velletri venne istituita nel 1891 con lo scopo di migliorare la tecnica vitivinicola nel territorio dei Castelli Romani. Ebbe ricercatori di prestigio fra cui possiamo citare Angelo Longo, impegnato soprattutto nell’ambito viticolo e Vincenzo Prosperi che s’interess˛ alle uve da tavola. La Cantina Sperimentale con la riforma divenne Sezione Operativa Periferica di quest’Istituto, ma conserv˛ inalterato il ruolo e la funzione che giÓ deteneva e che la ponevano e la pongono come punto di riferimento dell’enologia del Lazio. Attualmente Ŕ dotata di laboratori attrezzati, di cantina e di vigneto sperimentali, fattori che consentono al personale di elevata preparazione di conseguire risultati di portata nazionale. á
La Sezione Operativa periferica di Gaiole in Chianti in prov. di Siena Ŕ di recente costituzione, Ŕ dotata di moderna attrezzature sia a livello di cantina Sperimentale sia di laboratori. Pur essendo esigua come numero di personale, grazie all’impegno e alla professionalitÓ dei ricercatori Ŕ riuscita a dare importanti e apprezzati contributi alla conoscenza e al miglioramento delle giÓ prestigiose produzioni dell’enologia toscana.

Con decreto del 12 dicembre 1970 il Ministro dell’Agricoltura ha determinato i particolari settori di ricerca delle singole sezioni operative dell’Istituto come segue:
1. Chimica enologica;
2. Microbiologia enologica;
3. Tecnologia e Meccanica enologica.



Via Pietro Micca 35 - 14100 Asti - Tel. (+39)0141.433811 | eno@entecra.it

Torna ai contenuti | Torna al menu