Centro di Ricerca per l'Enologia (CRA-ENO)

Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria (CREA)


i direttori

Sei nella sezione: Cenni storici

Vai al sotto menu

Nel 1876 succedette l'ing. Ermenegildo Rotondi. Fu anche questa una direzione piuttosto breve perché il Rotondi venne chiamato alla cattedra di chimica nel Museo Industriale di Torino. Dal 1872 al 1879 furono condotti studi nel settore viticolo specificatamente sull'impiego dei fertilizzanti chimici, sull'influenza degli agenti atmosferici, sull'epoca di potatura, sulla maturazione dell'uva, sulla clorosi e l'antracnosi della vite, sugli effetti dell'incisione anulare sulla produzione, sulla composizione chimica dell'uva, sull'impiego del caolino nella chiarifica dei vini, sull'aeramento della fermentazione, sul tenore in tannino dei vini, sulla composizione dei vini piemontesi, ma anche liguri, lombardi e sardi.
Nel settembre del 1879 succedeva come direttore il prof. Francesco Koenig, proveniente dall’Università di Heidelberg e dalla R. Scuola Agraria di Gorizia. Il Koenig restò ad Asti per 5 anni e si avvalse dell’opera del dottor Francesco Ravizza. Si condussero in quegli anni importanti studi sull’alterazione nota come “girato” Proprio al Ravizza si devono le ricerche sull’azione inibitrice dei sali rameici sulla germinazione dei conidi della peronospora comparsa sulle colline astigiane proprio nell’ottobre di quell’anno.
Al Koenig, chiamato nel 1885 alla direzione della R.Stazione Agraria di Torino, succedeva l’ing. Mario Zecchini che provvide a istituire un vivaio di viti americane per far fronte all’incombente invasione fillosserica. Nel solo biennio 1886-1887, la Stazione sperimentale distribuì ai viticoltori piemontesi, e non, ben 160.000 talee di viti americane.
In quegli anni si condussero studi sulla gessatura e l’acidificazione con l’acido tartarico dei mosti, sulla filtrazione, sull’influenza della temperatura, sull’influenza dell’areamento e della concentrazione zuccherina sulla fermentazione, sulla preparazione dei mosti concentrati, sull’impiego dei lieviti selezionati in enologia.
Nel 1895 anche lo Zecchini fu trasferito a dirigere la R. Stazione Agraria di Torino. Gli successe nello stesso anno il dr. Enrico Comboni che avviò studi sugli effetti dell’incisione anulare della vite, sulla maturazione dell’uva, sull’azione anticrittogamica dell’acetato di rame rispetto alla poltiglia bordolese, sulla correzione dei mosti, ecc.
Enrico Comboni mancò nel marzo del 1900. Gli succedette, nel 1901, il prof. Federico Martinotti. Questi ammodernò i laboratori dotandoli di nuove apparecchiature e istituì un deposito di macchine enologiche. Collaboravano con il direttore, il vice-direttore Carlo Mensio e gli assistenti Garino-Canino e Cabella. Nel 1910 Mensio con un’estesa e approfondita indagine, condotta sul Moscato d’Asti, osservava che la stabilità del vino derivava dal progressivo impoverimento di azoto assimilabile (dai lieviti) in seguito a ripetute filtrazioni. Attorno al 1895 Martinotti mise a punto una tecnica di elaborazione del vino spumante in autoclave che poco tempo dopo applicata a livello industriale divenne nota come “metodo Charmat
Nel 1914 Mensio e Garino-Canina riconoscevano per primi l’azione determinante della degradazione biologica dell’acido malico a lattico sulle caratteristiche dei vini piemontesi notoriamente piuttosto acidi. Nel 1907 venne istituito, per disposizione ministeriale, un servizio di analisi per i privati che la Stazione ha svolto sino al 1968.
L’accresciuta dotazione di apparecchiature di laboratorio e di attrezzature di cantina, richiesta dal progresso scientifico e tecnologico, oltre ai più ampi compiti conferiti alla Stazione dal R.D. 28 marzo 1907, avevano reso necessario il trasferimento in locali più consoni alle esigenze della sperimentazione. Nel novembre del 1911 veniva ultimato l’edificio, allora, nuova sede della Stazione e tuttora parte integrante dell’Istituto.
Al Martinotti, nel 1924, succedette il prof. Sannino e nel ’26, sotto la reggenza del vicedirettore dottor Tedeschini, la Stazione veniva dotata di un vigneto sperimentale sito in località Viatosto di circa 6 ettari di superficie. In questi anni si svolsero importanti studi sulle sostanze pectiche, sull'intorbidamento ossidasico dei vini, sull’ ampelografia e la costituzione dell'Erbaluce e del passito da quelle uve derivato.
Il R.D. 25 novembre 1929 attribuiva alla Stazione Enologica, come alle consorelle Stazioni agrarie, la qualifica di ente governativo con personalità giuridica e autonomia amministrativa, sotto la vigilanza del Ministero dell’Agricoltura, con parificazione agli istituti scientifici universitari.
Dal 1931 al 1942 la direzione fu tenuta dal prof. Luigi Casale. In questo periodo furono condotti numerosi studi, si possono ricordare quelli sull’intorbidamento dei vini provocato dal ferro, sul potenziale ossido-riduttivo, ecc.
Nel 1948 viene nominato direttore il prof. Ettore Garino-Canina. Il disastroso conflitto mondiale è terminato e possono riprendere gli studi. Essi riguardano la tecnologia, la biochimica e la microbiologia enologica. Vengono condotte esperienze di macerazione preventiva delle uve in ambiente saturo di “anidride carbonica”, di sistemi di vinificazione tipo il “governo all’uso toscano”, seguendo le trasformazioni chimico-biologiche che i vini subiscono per effetto della rifermentazione con uve leggermente appassite. Vengono condotti anche importanti studi sugli equilibri fisico-chimici in funzione della stabilizzazione dei vini, ecc.
Nel decennio 1950-1959 la Stazione ha svolto anche attività didattica in collaborazione con la Facoltà di Scienze agrarie dell’Università di Torino presso cui è stato istituito, per interessamento del conte Enrico Marone Cinzano, un corso di specializzazione in viticoltura ed enologia che ha interessato anche le strutture della Stazione stessa.
Nel triennio 1958-1961, successivo al pensionamento del Garino-Canina, l’incarico della direzione viene affidato al dottor Emidio Sudario. In quest’arco di tempo vengono svolte indagini viticole sulla difesa antiperonosporica ed enologiche riguardanti l’impiego dell’elettroforesi, la caratterizzazione dei colloidi dei mosti e dei vini, lo stato di combinazione degli acidi nel vino, ecc.
Dal 2 febbraio 1961 la direzione viene affidata al prof. Clemente Tarantola. In questo periodo si realizzano alcuni processi di adattamento delle strutture dei laboratori e delle cantine alle mutate esigenze della sperimentazione. Tale adeguamento si compie in maniera particolarmente visibile nel 1969 quando viene realizzato il progetto di ampliamento della Stazione che assume la fisionomia che ha tuttora.



Via Pietro Micca 35 - 14100 Asti - Tel. (+39)0141.433811 | eno@entecra.it

Torna ai contenuti | Torna al menu