Centro di Ricerca per l'Enologia (CRA-ENO)

Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria (CREA)


Analisi di Revisione

Sei nella sezione: la Struttura

Vai al sotto menu


Il D.M. 26 marzo 1968, la successiva Legge 24 novembre 1981 n.689 e il D.M. 18 luglio 1986, incaricavano l'allora Istituto Sperimentale per l'Enologia di Asti - ora CRA-ENO - di svolgere analisi di revisione su campioni risultati irregolari all'analisi di primo grado, per vini, mosti, aceti e bevande alcoliche compresa la birra.

Il Laboratorio di Analisi di Revisione effettua per conto delle Aziende Sanitarie Locali (ASL), dei Presidi Multizonali di Prevenzione (PMP), dei Carabinieri - Nuclei Antisofisticazione (NAS), delle Aziende Regionali per l'Ambiente (ARPA), dei Servizi Antisofisticazioni Vinicole (SAV) delle Province operanti su tutto il territorio nazionale, analisi di seconda istanza su vini, mosti, mosti concentrati, mosti concentrati rettificati, sottoprodotti della vinificazione, aceti, bevande spiritose e birra, secondo quanto previsto dalla suddetta normativa.


Dott.ssa Valentina Dell'Oro
Analisi di Revisione Chimiche
chiama (+39)0141.433820
valentina.delloro[at]isenologia.it

Dott. Aldo Ciambotti
Analisi di Revisione Isotopiche
chiama (+39)0141.433819
aldo.ciambotti[at]isenologia.it

Dott. Christos Tsolakis
Collaboratore di ricerca
christos.tsolakis[at]entecra.it
chiama: (+39)0141.433832

Angelo Barrocu
Operatore Tecnico
chiama (+39)0141.433819
angelo.barrocu[at]isenologia.it

ELENCO DELLA DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE ALL’UFFICIO DENUNCIANTE

1) RICHIESTA DI REVISIONE
Il titolare e/o il legale rappresentante della ditta può richiedere la revisione dell'analisi, presentando domanda in carta semplice all'Ufficio denunciante, entro 15 giorni dal ricevimento dell'esito dell'analisi di primo grado, ai sensi della legge 689 del 24/11/1981 (art. 15, co. 2).

2) NOMINA DEL CONSULENTE TECNICO
Gli interessati possono richiedere che alle operazioni di revisione partecipi un proprio consulente tecnico, indicandone nome, cognome ed indirizzo, ai sensi della sopracitata L. 689/81 (art.15, co. 2). Tale richiesta va presentata in carta semplice all'ufficio denunciante unitamente alla richiesta di revisione, oppure al Centro di Ricerca per l'Enologia, al momento della convocazione della revisione analisi.

3) QUIETANZA
a) In caso di sanzione amministrativa, gli interessati, contestualmente alla richiesta di revisione analisi, devono costituire un deposito provvisorio in contanti presso le competenti Tesorerie dello Stato (Banca d'Italia). Detto deposito sarà restituito o incamerato in base all'esito della revisione. Il modulo da utilizzare è il Mod. 123 T. La quietanza deve essere allegata in originale alla richiesta di revisione.
L'importo del deposito viene stabilito annualmente attraverso un decreto interministeriale del Ministero dell'Economia e delle Finanze e del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali. La somma da depositare ammonta a € 122,45 (D.M. 18 Dicembre 2013). Tale importo va imputato al Capo XVII - Capitolo 3590 "Entrate eventuali e diverse del Ministero delle Politiche Agricole. Tale importo è valido sino alla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del nuovo decreto. Si fa presente che il pagamento tramite conto corrente postale rende difficile la restituzione della somma versata.

b) In caso di sanzione penale, gli interessati, contestualmente alla richiesta di revisione analisi, devono pagare la tassa di revisione (Art. 44 del RDL n. 2033 del 15/10/1925, convertito nella L. 562 del 18/03/1926) presso competenti Tesorerie dello Stato (Banca d'Italia). In questo caso si utilizza il Mod. 121 T, imputando la somma da versare sul Capo XVII - Capitolo 3590 "Entrate eventuali e diverse del Ministero delle Politiche Agricole." La quietanza va allegata in originale alla richiesta di revisione. L'ammontare di tale tassa è di € 25,82.

ALTRE ATTIVITA'


ANALISI PER L'ESPORTAZIONE
Il Laboratorio effettua anche analisi per l'esportazione secondo quanto indicato dalla vigente normativa.

ALTRE ATTIVITA'
Il Laboratorio è incaricato dal Ministero delle Politiche Agricole -Ispettorato Centrale per il Controllo della qualità dei Prodotti Agro Alimentari della costituzione della Banca Dati Nazionale e Comunitaria per le analisi isotopiche, mediante la Risonanza Magnetica Nucleare e la Spettrometria di Massa dei Rapporti Isotopici, secondo quanto previsto dal Reg. CEE n. 2729/00. Partecipa allo svolgimento di Ring Test Internazionali di taratura per le analisi isotopiche e il titolo alcolometrico volumico. Collabora a progetti di Ricerca con altri Laboratori del settore enologico.





Via Pietro Micca 35 - 14100 Asti - Tel. (+39)0141.433811 | eno@entecra.it

Torna ai contenuti | Torna al menu